Collegio dei consultori e Consiglio Presbiterale diocesano

COLLEGIO  DEI  CONSULTORI
Mons. Giovanni Cappelli
Don Paolino Trani
Mons. Franco Sgoluppi
Don Samuele Biondini
Don Alberto Gildoni
Don Andrea Czortek

CONSIGLIO  PRESBITERALE
Membri di diritto
Mons. Giovanni Cappelli, Vicario generale
Don Paolino Trani, Direttore Caritas Diocesana

Membri
in rappresentanza del Presbiterio (cfr.art.5 §3 Statuto)
Mons. Franco Sgoluppi in rappresentanza delle Zone Pastorali (cfr.art.5 §3 Statuto)
Don Filippo Milli (Zona nord)
Don Samuele Biondini (Zona centro)
Don Stefano Sipos (Zona sud) nominato dal Vescovo (cfr.art.5 §3 Statuto)
Don Andrea Czortek cooptato dal Vescovo per il Collegio dei Consultori (cfr.art.6 §2 Statuto)
Don Alberto Gildoni, Cancelliere vescovile

 

Consiglio Presbiterale del 31 gennaio 2022

Lunedì 31 gennaio, in Vescovado, si è riunito il Consiglio Presbiterale per trattare i seguenti argomenti:

* Valutazione sull’avvio della fase diocesana del cammino sinodale; * Catechesi di ragazzi e adulti nel tempo di Quaresima;

* Benedizione delle famiglie in questo tempo di pandemia;

* Varie ed eventuali in vista della fine del mandato del Vescovo, ipotizzando una due-giorni.

Relativamente al cammino sinodale, si registra con soddisfazione l’avvio in tutta la Diocesi di circa 20/25 gruppi, a livello parrocchiale o di Unità Pastorale. E’ stata riscontrata una certa vivacità, accompagnata dal desiderio di molti di coinvolgersi in questa importante esperienza di vita ecclesiale; in particolare i membri del Consiglio Pastorale Diocesano, insieme all’équipe diocesana e ai parroci, si sono molto impegnati.

A proposito del calendario dei lavori, si mantengono le date già indicate. Sul piano metodologico, si suggeriscono almeno due incontri per gruppi; la sintesi, utilizzando l’apposito modulo, dovrà essere poi consegnata da ciascun moderatore al proprio vicario di Zona.

In linea con lo stile sinodale, il Vescovo torna a raccomandare il funzionamento degli organismi collegiali: in particolare, l’obbligo del Consiglio Pastorale Affari Economici (verificare la scadenza e chiedere l’eventuale rinnovo) e la costituzione del Consiglio Pastorale Parrocchiale, o Interparrocchiale, che è fortemente raccomandata dal Concilio.

Circa la catechesi, si apprezza il notevole sforzo che le Parrocchie e i catechisti hanno messo in atto in questi difficili mesi. Per il presente, visto il persistere della situazione di pandemia e dell’aumento della diffusione del contagio, soprattutto fra bambini e ragazzi, si consiglia una sospensione temporanea della catechesi in presenza, nella speranza di riprenderla per la Quaresima. In attesa di questo, si raccomanda di fare uso di sussidi on-line molto validi come, ad esempio, i video realizzati da suor Roberta Vinerba o dall’Ufficio Catechistico Diocesano di Fossano (per chi volesse averli, può rivolgersi ad Alessandro Pacchioni del nostro Ufficio Catechistico).

Per la benedizione delle famiglie sembra prudente escludere la modalità tradizionale casa per casa. Ogni parroco trovi la maniera più appropriata secondo la propria realtà, tenendo conto di alcuni suggerimenti che riportiamo:

– in alcune Diocesi si sono convocate in chiesa le famiglie, sulla base dei quartieri o delle strade, per la messa quotidiana, durate la quale si è pregato per le necessità di quella zona, consegnando al termine l’acqua benedetta;

– questa convocazione può avvenire anche all’aperto, in piazze o zone che permettano la riunione secondo le modalità previste dalla normativa covid, per una breve preghiera con benedizione finale;

– nella Domenica delle Palme, o anche in quella precedente, in chiesa potrebbe essere distribuita l’acqua benedetta, in appositi piccoli contenitori, insieme alla preghiera per benedire la famiglia nella casa;

– per la benedizione delle uova o di altri cibi, si suggerisce la forma comunitaria in chiesa, o all’aperto, in orari precedentemente comunicati.

Per l’inizio della Quaresima, sarà disponibile il consueto messaggio pasquale del vescovo alle famiglie.

Per quanto riguarda la due-giorni, viene stabilita la data da domenica 20 marzo (a cena) fino a martedì 22 marzo (a pranzo). Sarà soprattutto un momento di fraternità a conclusione del mandato del Vescovo, iniziato il 23 settembre 2007. In seguito saranno comunicati il programma e la sede.