Biografia

 

S. Ecc. Mons. Luciano Paolucci Bedini

Mons. Luciano Paolucci Bedini, nuovo vescovo di Gubbio e Città di Castello, nasce a Jesi (An) il 30 agosto 1968, primogenito di due figli, da genitori impiegati e oggi pensionati, una stimata famiglia di tradizione cattolica. Da bambino entra nel movimento scout grazie allo zio, fratello di suo padre, sacerdote e fondatore di un gruppo scout. Quelli nello scoutismo sono per lui anni di crescita umana e spirituale.

Nel 1989 entra nel Pontifico Seminario regionale “Pio XI” dove compie la sua formazione. Consegue il baccalaureato in Teologia presso l’Istituto teologico marchigiano di Fano e Ancona. Il 30 settembre 1995 viene ordinato presbitero da mons. Franco Festorazzi nella Cattedrale di San Ciriaco ad Ancona e da quel momento fino al 2004 è viceparroco nella comunità di San Paolo Apostolo a Vallemiano di Ancona. Il suo ministero privilegia soprattutto la pastorale dei giovani.

Dal 1996 al 1999 frequenta il corso di Teologia pastorale con specializzazione in Pastorale giovanile e catechetica presso l’Università Pontificia Salesiana di Roma, dove consegue la licenza discutendo la tesi “Gesù Cristo, il perfetto comunicatore. Criterio e modello di una rinnovata prassi comunicativa nell’educazione della fede”. Arrivano quindi incarichi di responsabilità nell’ambito della pastorale: dal 1999 è direttore dell’Ufficio catechistico diocesano e dal 2003 direttore dell’Ufficio catechistico regionale. Dal 2001 al 2011 è insegnante di Catechetica, Pastorale giovanile e Pastorale dell’iniziazione cristiana presso l’Istituto superiore marchigiano di Scienze religiose “Redemptoris Mater” di Ancona.

Negli anni del seminario prima e da sacerdote poi, ha continuato il cammino all’interno del movimento scout e ha prestato il suo servizio come assistente ecclesiastico del suo gruppo in Ancona e nella formazione regionale dei capi scout. Dal 2005 al 2010 è assistente regionale dell’Agesci Marche. Sempre l’accompagnamento dei giovani, in questo caso dei seminaristi, è il suo ultimo importante incarico: dal 2004 al 2010 il ruolo di vice-rettore presso il seminario regionale marchigiano, e poi – dall’agosto 2010 a oggi – ricopre l’incarico di rettore.

Ha scritto: “L’esemplarità comunicativa di Gesù. La comunicazione adeguata al Vangelo” (in “La rivista del clero italiano”, 11/2000); “Nuova esperienza di iniziazione cristiana dei ragazzi 7-14 anni nell’arcidiocesi di Ancona-Osimo” (in “Sacramentaria & Scienze religiose”, 3/2008); “Ti racconto Dio. I linguaggi per comunicare la fede” (Paoline – Milano 2012).