31 marzo 2021

IL VESCOVO INFORMA

  • Ringraziamo il Signore per la gioia che ha dato alla nostra Chiesa con la solenne celebrazione della canonizzazione di Santa Margherita domenica 19 settembrescorso. C’è stato uno straordinario concorso di popolo e soprattutto un momento intenso di preghiera ed anche di commozione e di riflessione. Toccante la lettura del decreto di canonizzazione firmato da Papa Francesco, la grande icona della Santa e l’omelia del cardinal Bassetti. La decina di Vescovi presenti, i tanti sacerdoti e diaconi, la buona rappresentanza dell’Ordine domenicano, le persone disabili hanno reso la celebrazione suggestiva e sicuramente memorabile, soprattutto per l’appello alla nostra santità che dinanzi alla coraggiosa testimonianza di Margherita non può accampare scuse. Più avanti troverete testi interessanti.
  • Domenica 3 ottobre alle ore 18:00 in San Domenico avremmo un’altra grande gioia per tutta la nostra chiesa diocesana: l’ordinazione sacerdotale del diacono Giuseppe Floridi. Dopo tanti anni di discernimento vocazionale e dopo la fruttuosa l’esperienza del servizio diaconale, con il parere positivo del Consiglio presbiterale e di coloro che lo hanno accompagnato, la nostra Chiesa ha un nuovo sacerdote, pronto a portare il Vangelo di Gesù alle persone che gli saranno affi Preghiamo perché lo Spirito Santo gli conceda di vivere santamente il ministero dell’Ordine sacro che avrò la gioia di conferire. Invito tutti a partecipare alla solenne celebrazione e a condividere la festa.
  • Il 9-10 ottobre a Roma il Papa Francesco darà inizio in modo solenne al Sinodo dei vescovi intitolato: “Per una chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione”. Domenica 17 ottobre in ogni diocesi comincerà il cammino sinodale. La nostra Chiesa avrà la celebrazione principale presieduta da me nella chiesa di S Domenico. Anche nelle celebrazioni nelle varie comunità invito a invocare tutti insieme lo Spirito Santo per il nostro cammino sinodale che ci impegna a camminare insieme superando l’individualismo e la stanchezza.

Nella celebrazione a S Domenico ci sarà anche la consacrazione religiosa nell’OrdoVirginumdi Sabina Polenzani.  È una testimonianza che richiama tutti a vivere la consacrazione battesimale nella forma di vita che lo Spirito ci suggerisce.  Più avanti daremo le indicazioni su come vivremo questo percorso sinodale aperto a tutti.

  • Don Romano Piccinelli, direttoredella Scuola Diocesana di Formazione Teologica ha predisposto le tematiche e il calendario del percorso 2021-2022. Tutti sono invitati a parteciparvi perché l’offerta formativa è di notevole qualità e attualità. È sicuramente un prezioso aiuto al cammino sinodale della nostra Chiesa. Invito in modo particolare sacerdoti, diaconi, religiosi, aggregazioni laicali, responsabili degli Uffici di curia, membri del Consiglio pastorale, catechisti. Per quanto mi è possibile, ci sarò anch’io. (Più avanti troverete tutte le informazioni).
  • Il mese di ottobre è dedicato in modo particolare al Santo Rosario.

La pietà popolare ama la preghiera semplice e tradizionale con la quale ricorre a Maria meditando con lei i misteri della vita di Gesù. Quella corona che molti cristiani fanno scorrere tra le mani ogni giorno e che normalmente è posta fra le dita della persona defunta, ci ricorda la necessità di affidarci all’intercessione di Maria che il 7 ottobre veneriamo con il titolo di Beata Vergine del Rosario. Diamo il giusto valore a questa preghiera perché la Madonna, madre della Chiesa, ci accompagni sui passi di Gesù insegnandoci soprattutto l’umiltà, l’obbedienza, la carità e la tenerezza. Non stanchiamoci di dirle: “Prega per noi peccatori adesso e nellora della nostra morte”.

  • Nelmese di ottobre siamo richiamati a ravvivare la dimensione missionaria di ogni battezzato e della Chiesa. Il mese inizia, non a caso, con la memoria di Santa Teresa del Bambino Gesù, Patrona universale delle Missioni. Santa Teresina ci ricorda che la nostra prima missione è la santità della vita: uniti a Gesù chiediamo che si realizzi il disegno del Padre misericordioso di accogliere tutti nel suo Regno. Se non abbiamo questo desiderio di portare agli altri la gioia del Vangelo, la nostra fede sarebbe davvero povera e insignificante. Siamo chiamati, per espressa volontà di Gesù, a continuare la sua missione, mettendo in gioco la nostra vita in modo evangelico.

Anche il Messaggio di Papa Francesco  per la 95a Giornata missionaria mondiale – in programma domenica 24 ottobre – ci esorta ad essere testimoni e profeti, con lo stesso coraggio di Pietro e Giovanni che, davanti ai capi del popolo e agli anziani, non hanno paura di dire: «Non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato» (At 4,20).

Il messaggio del papa è molto bello e merita la nostra meditazione personale e farlo conoscere nelle nostre catechesi. Ci aiuta anche nella preparazione al Sinodo.

Sabato 16 ore 21.00 in S. Domenico avrà luogo la Veglia di preghiera missionaria.

Come Chiesa diocesana, preghiamo per coloro che il Signore chiama e invia come missionari in nazioni non ancora evangelizzate. Tra queste persone ricordiamo con gratitudine i missionari e le missionarie della nostra diocesi ed anche i missionari e le missionarie provenienti da altri Paesi e che ora sono qui in mezzo a noi per aiutare la nostra Chiesa.

  • Mercoledì 20 ottobre avrà luogo a Canoscio il ritiro spirituale del clero.

Guiderà la riflessione, la condivisione e la preghiera l’arcivescovo Renato Boccardo che ci indicherà come vivere il Sinodo ecclesiale. Tutti i sacerdoti e i diaconi sono invitati a partecipare attivamente dall’inizio alla fine.  L’incontro si concluderà con il pranzo insieme.

 Ricordo al clero l’impegno degli Esercizi spirituali.Sono un appuntamento necessario per la vita spirituale e per sviluppare la comunione ecclesiale.

Dal 10 all’15 ottobre a Collevalenzaparteciperò personalmenteagli Esercizi spirituali per i nostri diaconi permanenti e aspiranti al diaconato. Le riflessioni saranno offerte dalla biblista Rosanna Virgili. Rinnovo ai diaconi l’invito a partecipare anche per condividere il rilancio della comunità diaconale e del ministero.