21 agosto 2019

IL VESCOVO INFORMA

Voglio ringraziare tutti quelli che in quest’estate hanno realizzato varie attività a favore dei giovani e delle famiglie:  il clero, gli  animatori, la pastorale giovanile e le varie associazioni
Con molta attenzione e notevole sacrificio sono stati organizzati grest, campi estivi, vacanze ed esperienze che hanno favorito il ristoro fisico, umano e cristiano. Tutto ciò proprio in un momento davvero critico a livello educativo e formativo. Abbiamo davanti agli occhi emergenze gravi che ci interpellano: droga, bullismo, ragazzi che fanno fatica  a vivere il sano divertimento e famiglie in difficoltà, mancanza di lavoro…
Ma abbiamo anche riscontri positivi di tanti che, opportunamente stimolati, rispondono con coraggio esemplare. Anche in questi giorni ho avuto tante conferme.
 
Stiamo vicini al nostro clero e preghiamo come, ci chiede Gesù, “il padrone della messe perché  mandi operai”. Chiedo ai sacerdoti, alla pastorale giovanile, alle parrocchie, alle comunità e associazioni laicali di proporre con più coraggio la dimensione vocazionale della vita: vita presbiterale, vita consacrata, vita familiare, disponibilità alla missione e al servizio.
Spero non sia sfuggita la bella “Lettera del Santo Padre Francesco ai sacerdoti in occasione del 160º anniversario della morte del Santo curato d’Ars”. Il Papa rivolge parole di dolore, di gratitudine, di coraggio e di lode. Ci aiuta a riflettere e a rilanciare il nostro ministero.
Ho partecipato al Convegno nazionale su “Diaconato-Periferia-Missione. Diaconi, custodi del servizio” (Vicenza, 31 luglio-3 agosto). Chiedo ai diaconi di riprendere da Internet gli interventi e di rifletterci.
Faccio presente che alcuni nostri confratelli sacerdoti e diaconi sono molto malati. Tra questi Mons. Giovanni Bastianoni (e grave!), Mons. Giuseppe Tanzi e il diacono Belli Franco. Preghiamo e, per favore, andiamo a trovarli!
 
Mercoledì 18 settembre, ore 9:30 in Seminario avrà luogo il nostro primo ritiro spirituale, guidato dal professore Don Dario Vitali. Invito tutti alla partecipazione data l’importanza del tema (“La nostra Chiesa oggi”) e delle comunicazioni che seguiranno.
 
Raccomando vivamente la partecipazione alla Scuola Diocesana di Formazione Teologica. È uno strumento molto utile come lo è stato in modo speciale in questi ultimi due ultimi anni. Ci saranno docenti preparati a svolgere tematiche attuali. Ringrazio Don Romano Piccinelli che in modo puntuale sta preparando il programma e accompagnerà le lezioni. Invito caldamente sacerdoti, diaconi, catechisti, operatori pastorali, animatori e tutti coloro che vogliono approfondire la fede a mettere in calendario i vari incontri formativi. Favoriscono la comunione ecclesiale sostenendo le attività degli Uffici, delle parrocchie-unità pastorali-vicarie in relazione alla formazione. Più avanti troverete alcune note del Coordinatore.
 
La Pastorale familiare, giovanile e la Stracastello, come da tradizione, hanno programmato una serie di iniziative che troverete più avanti. Segnalo l’importanza dell’incontro-testimonianza su Chiara Corbella Petrillo (sabato 7 settembre ore 20:45 alla Madonna del Latte); l’incontro con il professore Luca Diotallevi su “Il paradosso di Papa Francesco” (mercoledì 11 settembre, ore 21:00 al Nuovo Cinema Castello); la Santa Messa in Piazza (domenica 15 settembre ore 17:45) e le attività sportive e ludiche. Anche queste sono occasioni da non perdere, anche perché coinvolgono giovani e famiglie. Grazie di cuore agli organizzatori e… passate parola!
 
Ricordo l’importanza del 33º Convegno Nazionale di studi “l’altrapagina” che si terrà al Teatro degli Illuminati il 7 e 8 settembre 2019. Il titolo è: “L’educazione: l’arte di coltivare la vita”. Intervengono come relatori: Francesco Tonucci laureato in pedagogia e dal 1982 ricercatore CNR; Gianni Vacchelli narratore, scrittore e docente in un liceo milanese; Marco Lodoli laureato in lettere, insegna all’istituto professionale “Giovanni Falcone” di Roma; Roberto Mancini professore ordinario di Filosofia teoretica all’Università di Macerata. Il programma che qui troverete prevede relazioni di alto profilo che meritano la partecipazione.